vai al footer
#ritratti

07/12/2023

Il “lieto fine” di Aleksandar Hemon è inevitabile

Il “lieto fine” di Aleksandar Hemon è inevitabile

Durante la conversazione con il giornalista Ervin Hladnik Milharčič, avvenuta nella biblioteca pubblica France Bevk di Nova Gorica, Aleksandar Hemon ha parlato del suo libro “Tutto questo non ti appartiene” – tradotto quest’anno in sloveno – e soprattutto delle sue memorie.

Il libro consiste in una serie di reminiscenze dell’infanzia dello scrittore di Sarajevo, che si chiede come funzioni la memoria, perché ricordiamo alcune cose e non altre. È stato scritto in inglese, che Hemon ha imparato a padroneggiare dopo che lo scoppio della guerra in Bosnia lo ha costretto a trasferirsi in America, quindi riguarda anche la lingua. La sua teoria è che, se si vuole scrivere in una lingua, bisogna averla nel proprio subconscio. Inizialmente lui non sapeva scrivere né in bosniaco né in inglese, ma quando ha deciso è stato un gioco da ragazzi. Il blocco mentale in favore della lingua madre si è sciolto e i ricordi sono fluiti spontaneamente in inglese. “Proprio come quando ascoltavamo il rock’n’roll: l’attrazione era che non capivamo nulla, ma imparavamo comunque la lingua”, dice Hemon.

È una la differenza cruciale con Proust, a cui Milharčič lo paragona e che si è rivelato uno scrittore che Hemon ama leggere. Proust scrive di una situazione stabile durante la quale si verificano momenti magici. E Proust non ha vissuto né la perdita della propria patria né la catastrofe sociale che frammenta la società. Hemon, che le ha vissute entrambe, si trova a dover ricomporre l’insieme dai frammenti.

Alla domanda su cosa abbia portato dalla Bosnia in America per diffondere la propria cultura, lo scrittore risponde che ha portato praticamente tutto. Soprattutto il sentimento della classe media, quella che comprava dischi, riempiva gli stadi con la musica, andava sotto le armi e aveva la sensazione che stesse accadendo qualcosa di importante. In quel periodo, nel suo desiderio di liberarsi dal culto della personalità e del pensiero unico, stava formando principi estetici e politici. La città in cui viveva aveva tutto ciò di cui una città ha bisogno.

GO2025 News 231207 Happy Ending Hemon Jernej Humar 02
GO2025 News 231207 Happy Ending Hemon Jernej Humar 01


La conversazione su come Saša si sia trasformato in Aleksandar Hemon, cioè su come abbia messo piede sul suolo americano in qualità di scrittore, ha portato nella conversazione le parole: agente, trovare clienti, pagamento, vendite… La pubblicazione del libro "The Question of Bruno" lo ha consacrato all'interno del mondo della letteratura americana. Milharčič suggerisce che in ogni frammento Hemon si pone come un “perdente”, ma alla fine raggiunge un “lieto fine”. È un imperativo americano? “Non ho inventato nulla, il lieto fine è inevitabile. Sono un amante della vita, voglio vivere il più a lungo possibile. E voglio vivere fino all’ultimo momento, perché forse all’ultimo momento qualcuno ti porterà un gelato”, così lo scrittore ha espresso il suo stato d'animo leggero e gioioso durante la calorosa accoglienza del pubblico di Nova Gorica.

Šejk o Kafka? Entrambi. Quando il tuo salotto è nel mirino di un cecchino che ti punta dall’altra parte del fiume, perdi la tua libertà d’azione. Se si sopravvive, la tragedia si trasforma in commedia. “Possiamo interpretare la vita come vogliamo."

Come americano, ama l’America? Hemon ne ama alcune parti. Gli piace la complessità della società, ma non l’ambizione imperiale. Odia le tendenze fasciste ("la cultura monolitica è propaganda fascista"), rispetta la tradizione della resistenza, apprezza i luoghi sicuri con persone interessanti e colte, come Princeton, dove insegna scrittura creativa. Anche se il male è ovunque, cerca ciò che è buono e ciò che è amato. “L’Europa ha organizzato la sua cultura intorno a un’identità nazionale, l’America non ce l’ha, ma ha un’identità consensuale e una società multidimensionale. Pertanto, ogni individuo deve ancora imparare qual è la propria identità”, ha concluso Aleksandar Hemon, aggiungendo, tra una domanda e l’altra del pubblico, che le persone esposte all’arte e alla cultura nel percorso di ricerca della propria identità diventano cittadini migliori. Hemon è atteso durante la Capitale europea della cultura nel 2025 con la traduzione del suo nuovo romanzo.

(Klavdija Figelj)

Altre news

Non perderti i prossimi eventi! Iscriviti alla newsletter di GO! 2025 per scoprire tutte le nostre iniziative.

logo slo
logo fvg
logo mong
logo gorizia
logo gect
logo i feel slovenia
logo Io sono friuli venezia giulia

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Grazie

Conferma la tua registrazione premendo il link sulla mail

C'è qualcosa che non va...