vai al footer
#community
#programma_ufficiale

09/11/2023

Il distretto ECoC sarà green

Il distretto ECoC sarà green

Circa 10 milioni di investimenti, 4 aree di intervento (il Piazzale della Transalpina con il suo Tridente, l’area verde che conduce al valico di San Gabriele, EPIC e Super 8) e 15 mesi a disposizione per la riqualificazione di quello che sarà il cuore degli eventi nel 2025: l’area del Piazzale della Transalpina/Trg Evrope. Dopo la sigla dell’accordo anche sul lato sloveno, avvenuta il 17 ottobre con il Ministero per le Infrastrutture e le Ferrovie slovene, GECT GO e le municipalità di Nova Gorica e Gorizia annunciano finalmente l’avvio dei lavori.

Sin dalla candidatura nel 2020 era prevista la creazione di un “EPIcentro”, un luogo che rappresentasse la porta d’ingresso alle due città, o meglio, alla città transfrontaliera GO! Borderless. Da quel momento è passata molta acqua sotto i ponti cittadini, sono stati affrontati molti scogli – di ordine burocratico, tecnico e inevitabilmente legati alla questione del confine – per arrivare a un progetto più ampio. L’obiettivo della creazione del nuovo “distretto” è la realizzazione di un sistema urbano unitario, connesso e integrato, funzionale non solo agli eventi di GO! 2025 ma alla vita delle città anche negli anni a seguire.

Piazzale della Transalpina / Trg Evrope

Il primo dei cantieri in ordine di avvio – illustrato oggi dal vicedirettore del GECT GO Tomaž Konrad e dai rappresentanti degli studi di architettura Ravnikar Potokar, DRH e SA – riguarda proprio il Piazzale della Transalpina/Trg Evrope e il cosiddetto “Tridente” antistante (formato dalle vie Caprin, Foscolo e Luzzato). L’inizio dei lavori è previsto per febbraio 2024 e l’investimento complessivo ammonta a 2,78 milioni di euro; seguirà la riqualificazione funzionale e paesaggistica della fascia verde transfrontaliera.

Tutte le aree pedonali e carrabili saranno sistemate in modo unitario. Nel dettaglio: parte delle tre strade in territorio italiano che conducono alla piazza e la Kolodvorska pot (che attraversa la parte slovena verso nord-sud fiancheggiando l’edificio della Stazione) verranno rialzate al livello della piazza, e la pavimentazione avrà un disegno coerente con gli altri spazi in modo da restituire l’unitarietà dell’insieme.

Nell’ambito della ristrutturazione sono previsti anche il riassetto dell’illuminazione pubblica, la messa in opera di idrogetti pressurizzati (“giochi d’acqua” con illuminazione variabile) e nuovi elementi di arredo urbano.

Sul muro esistente che segna il confine di Stato verrà sistemata una seduta in legno nel rispetto del valore testimoniale del monumento: quello che un tempo rappresentava una separazione assumerà un nuovo ruolo, offrendo un luogo di incontro e di approfondimento della storia dell’area transfrontaliera.

Accanto all’edificio della Stazione ferroviaria verranno posizionate delle rastrelliere per biciclette. Ai lati della piazza, nell’area verde lungo le strade d’accesso, saranno piantati 30 alberi nuovi. È inoltre prevista una terrazza esterna ad uso del ristorante nello spazio antistante la Stazione ferroviaria.

“Questi cantieri, oltre ad altri lavori già in corso o programmati, comporteranno alcuni disagi temporanei per i residenti e i turisti di Nova Gorica e Gorizia, e ne siamo consapevoli. Ma poter intervenire a livello infrastrutturale nelle aree divise tra Italia e Slovenia è un risultato fondamentale, non solo per il progetto GO! 2025, ma per il futuro di questo territorio e di tutti coloro che ci vivono e lavorano.” Romina Kocina, Direttore del GECT GO.

Potenziamento e ristrutturazione della Stazione ferroviaria di Nova Gorica, EPIC e Super 8

I lavori coordinati dal Comune di Nova Gorica sono stati presentati dal Capo dell’Ufficio del Sindaco Mija Lorbek. Sul lato sloveno, nel distretto ECoC sono in corso di realizzazione/preparazione i seguenti investimenti: potenziamento delle infrastrutture necessarie a una maggiore accoglienza della zona (acqua, fognature, linee di telecomunicazione); piste ciclabili collegate attraverso un nuovo sottopassaggio, sotto i binari ferroviari fino a via Prvomajska;
riqualificazione dell’intera area della Stazione ferroviaria di Nova Gorica con l’eliminazione dei binari inutilizzati da parte del Ministero per le Infrastrutture; adattamento del magazzino esistente per la piattaforma EPIC e dell’edificio SVTK per il centro Super 8; green belt urbana fra gli ex-valici di San Gabriele e di Salcano; riqualificazione del Parco del Rafut comprensivo della villa e degli edifici annessi.

Area verde transfrontaliera del distretto ECoC

L’area verde transfrontaliera si trova tra il confine e le strutture delle Ferrovie slovene lungo i binari, e comprende la green belt esistente con pista ciclabile e la via di Kolodvorska. Rispetto al piano iniziale di costruire una nuova “struttura di confine”, si è optato invece per la riqualificazione della green belt transfrontaliera, che consiste principalmente nella ristrutturazione e nel riutilizzo delle strutture esistenti della ferrovia slovena e nella riqualificazione del paesaggio urbano di confine, dalla “dogana alla dogana”: cioè dall’ex valico di frontiera in via San Gabriele lungo il confine, alla fine della Kolodvorska a nord, fino all’ex valico di Salcano.

La zona verde “senza confini” tra le due città offre spazio per l’ubicazione di alcuni dei progetti previsti nel Bid-book ECoC 2025, affrontando in modo funzionale la mobilità simultanea di pedoni/visitatori, ciclisti e traffico motorizzato. La professoressa Saša Dobričić, architetta dell’Università di Nova Gorica, sottolinea: “Il principio di progettare la green belt come una traiettoria lineare urbano-paesaggistica dell’agglomerato si basa sul collegamento e sull’integrazione dei progetti contenuti nel libro di candidatura con i principi di progettazione di soluzioni basate sulla natura, che sono già stati sviluppati in modo partecipativo nel progetto europeo Urbinat per il più ampio sistema verde dell’agglomerato.”

Temi ECoC nell’area verde:

  • L’ambiente di connessione di due progetti chiave, EPIC e Super 8
  • Jungle basket
  • Il parco giochi
  • L’Atlante dei Frutteti dimenticati (situato e ampliato nell’area vicino a Koren, che insieme al complesso di Rafut è il sito del più ampio distretto ECoC e del corridoio del patrimonio transfrontaliero, dove abbiamo già piantato le prime piantine lo scorso anno)
  • Il Cachi della Sopravvivenza (da collocare nella green belt lungo via Kolodovorska)
  • Piattaforme di alberi (all’interno del parco giochi)
  • Spazi aperti EPIC (laboratori partecipativi e di socializzazione)
  • Spazio per interventi urbani a basso costo, temporanei e modulari
  • Allestimento di arredi urbani comuni nell’agglomerato (punti di riferimento ECoC)

Temi naturalistici:

  • Fitodepurazione e vasche di ritenzione (parchi giochi sommersi)
  • Rinverdimento di Kolodovorska e parcheggi esistenti
  • Casette per insetti e pipistrelli
  • Prati spaziosi
  • Muro verde
  • Boschetto tascabile di Miyawaki
  • Piantagione di nuovi alberi lungo la Kolodvorska

"Questo è solo l'inizio dello sviluppo di quest'area, nella quale, dopo il 2025, vogliamo integrare ulteriormente sia l'Università di Nova Gorica che l'ambiente di sostegno alle imprese per costruire l'innovativo approvvigionamento energetico reciproco di tutte e tre le aree. Anche gli abitanti del quartiere avranno un nuovo spazio, una passeggiata della cultura della convivenza, che potremo mostrare con orgoglio ai nostri visitatori e turisti", ha sottolineato il mag. Mija Lorbek, capo dell'ufficio del sindaco del Comune di Nova Gorica.

Altre news

Non perderti i prossimi eventi! Iscriviti alla newsletter di GO! 2025 per scoprire tutte le nostre iniziative.

logo slo
logo fvg
logo mong
logo gorizia
logo gect
logo i feel slovenia
logo Io sono friuli venezia giulia

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Grazie

Conferma la tua registrazione premendo il link sulla mail

C'è qualcosa che non va...