Skupaj proti sovraštvu in zidovom - Insieme contro l'odio e i muri

500 in več ljudi z obeh strani meje se je po napovedih italijanske politike o zidu na meji med Italijo in Slovenijo zbralo na trgu Evropa/Piazza Transalpina med Novo Gorico in Gorico. Več političnih in civilno družbenih organizacij je združilo moči za dogodek, ki želi biti odziv ljudi na vse bolj glasne besede o mejah in delitvah. Goričani so z množično udeležbo kljub vročini in času dopustov dokazali, da so iskreno predani ideji o teritoriju brez delitev in meja. Organizatorji so si miroljubni shod zamislili kot sproščeno druženje meščanov z obeh strani meje in zamisel tudi uresničili. Na trgu je bilo veliko objemov, poljubov in stiskov rok, evropskih zastav in upanja, a tudi strahu, da bodo takšni shodi še potrebni. Ob koncu so udeleženci simbolično porušili zid iz kartona, okrog mozaika na trgu z rokami sklenili krog in končali z glasnimi vzkliki: “Evropa, Evropa!”

Piu’ di 500 persone provenienti da ambedue le parti del confine si sono riunite in piazza Transalpina / Trg Evrope a seguito delle notizie di carattere politico giunte dall’Italia a proposito del muro sul confine tra Italia e Slovenia. Organizzazioni politiche e della società civile hanno unito le forze per creare un evento che ha voluto essere la risposta della gente alle parole sempre più forti su confini e divisioni. Con una massiccia partecipazione, nonostante il caldo e il periodo feriale, i cittadini di ambedue le città hanno dimostrato di credere sinceramente all’idea di un territorio senza divisioni e confini. Gli organizzatori hanno concepito la manifestazione come un incontro rilassato tra gli abitanti da entrambi i lati del confine. In piazza ci sono stati molti abbracci, baci e strette di mano, molte bandiere e speranze europee, ma anche il timore che manifestazioni simili saranno ancora necessarie. Al termine, i partecipanti hanno demolito un muro simbolico di cartone e, tenendosi per mano intorno al mosaico sulla piazza, hanno concluso l’incontro al grido di “Europa, Europa!”