Senatorka Tatjana Rojc v Milanu o GO! 2025 - La senatrice Tatjana Rojc a Milano su GO! 2025
Tatjana Rojc
V okviru festivala La Milanesiana je kandidaturo Nove Gorice in Gorice za EPK 2025 podprla tudi senatorka, pisateljica in literarna teoretičarka Tatjana Rojc: »Gorica je bila razdeljeno mesto, tako kot Berlin. Berlinski zid je padel leta 1989, kovinska mreža med Gorico in Novo Gorico leta 2004. To je mesto, ki končno ponovno odkriva svojo enotnost. Mesto s tisočletno zgodovino: ime mesta se prvič pojavi leta 1001, v darovni listini, s katero je cesar Oton III oglejskemu patriarhatu podaril naselje 'que sclavorum lingua vocatur Goriza'. Torej, ki se ji v jeziku Slovanov reče Gorica. Narediti iz tega kraja, križišča tisočletnih kultur, prestolnico kulture za sodobno Evropo, Evropo narodov, za staro celino, ki je definirala celotni razvojni cikel zahodne civilizacije in se danes odpira novim svetovom, bi pomenilo uresničitev sanj. V to upam. Končno bi Kosovel lahko segel v roke Michelstaedterju. In oba bi bila preprosto Srečko in Karel, oba prepričana, da pripadata istemu svetu. Brez retorike. Ker, kot je napisal Kosovel, 'moje življenje je moje, slovensko, evropsko, moderno in večno'.«
Nell’ambito del festival La Milanesiana la senatrice, scrittrice e critica letteraria Tatjana Rojc e intervenuta a supporto della candidatura GO! 2025:» Gorizia, città che ha vissuto la divisione forzata, come Berlino. Il muro tedesco è caduto nel 1989, il filo di ferro tra Gorizia e Nova Gorica nel 2004. Una città che finalmente ritrova una propria unità. Una città con mille anni di storia: il suo nome compare nel 1001 nel documento di una donazione che Ottone III fa al patriarcato di Aquileia e parla di un villaggio 'que sclavorum lingua vocatur Goriza…' che, cioè, nella lingua slava viene detto Gorica. Fare di questo luogo, crocevia di culture millenarie, la capitale della cultura di una Europa moderna, l’Europa dei popoli, del vecchio continente che ha definito tutto il ciclo della civiltà occidentale e che oggi si sta aprendo a mondi diversi, è un sogno che si avvererebbe. È ciò che spero. Finalmente Kosovel potrà idealmente stringere la mano a Michelstaedter. E ambedue saranno semplicemente Srečko e Carlo. Persuasi, sì, di appartenere allo stesso mondo. Senza retorica. Perché, dirà Kosovel, 'la mia vita è mia, slovena, europea, contemporanea e eterna'.«
Nagovor v celoti je objavljen na spletni strani italijanskega dnevnika Corriere della sera:
Vedi l'intervento completo sul Corriere della sera:
https://www.corriere.it/19_luglio_07/tatjana-rojc-milanesiana-gorizia-nome-mia-madre-7b4e6aca-a025-11e9-832f-72b4d689725f.shtml